29.8.08

IL B-MOVIE

Tra i tanti generi di film esistenti ve ne è uno in particolare che merita menzione ed attenzione, quello horror/fantascientifico pieno di fighetti e fighette varie.

Si parte con un antefatto di cui non ci frega niente.

Una maledizione.
Un meteorite.
Un neurone impazzito nella mente di uno sceneggiatore di Hollywood…

La ragione per cui i protagonisti andranno a cacciarsi in qualche buco buio e appiccicoso è quasi sempre vaga, poco convincente e scarsamente importante.

Non importa il PERCHE’...quello che conta è che il posto dove i nostri eroi si ritrovano è sempre maledettamente sinistro e fottutamente BUIO.

La squadra (perché c’è sempre UNA SQUADRA) è sempre il TOP del TOP.
Che siano sub,speleologi, archeologi, militari o idraulici …sono sempre IL MEGLIO DEL MEGLIO.

IL gruppo è equamente composto da bei ragazzoni e belle puledrine appena sfornate (età media 20/25 anni. Nessuna smagliatura e zero cellulite).
Tutti sono atletici, muscolosi e ognuno di loro si comporta in modo incredibilmente RISOLUTO.

C’è il capo bello e responsabile, quello tenebroso, ma determinato, quello vigliacco (c’è sempre un VIGLIACCO) che nasconde qualcosa e lo scienziato di turno dall’aria colta e competente.
Più due o tre ragazze che si dividono in more, bionde e con le tette rifatte o naturali.

Il tutto è condito e caratterizzato con una serie di “contentini etnici”, ossia personaggi di varie origini che si riconducono però a due categorie madre: gli afro-americani e gli orientali.
Tutti e due molto scaltri, molto affidabili ed entrambi con scritto in fronte. “MUOIO PRESTO”.

LA SQUADRA è SEMPRE specializzatissima!

Che si tratti di un’esplorazione subacquea, di una spedizione speleologica o di una vacanza fuori porta per fare un pic-nic, tutti parlano un gergo altamente hi-tech (che solo loro capiscono) e sfoggiano una tecnologia della madonna che però non gli servirà mai a un cazzo.

Tra i già citati membri della squadra va sottolineata la figura di “Colui che sa”, lo scienziato, o più in generale: L’ESPERTO.
L’unico che ha una vaga (vaghissima) idea di dove cavolo si stiano dirigendo e del perché ci vadano.
Il tipo di solito è quello meno atletico, ha un filino di pancetta e non si depila come gli altri.
(Cosa che ad Hollywood significa: AVERE UNA LAUREA).

La squadra ha navigatori satellitari, display ,palmari e computer vari infilati anche nelle mutande, nonché un numero più o meno vario di armi che vanno (a seconda della trama) da grossi coltelli fino a fucili mitragliatori d’assalto…
Tutte cose che comunque non gli serviranno a niente contro la cosa innominabile che stanno per incontrare.

Approssimandosi alla zona di ricerca i nostri eroi cominceranno a trovare sibillini segnali di pericolo:
antichi disegni sulle pareti di grotte raffiguranti scene di stragi…
Sculture ed incisioni più o meno dettagliate di figure umane agonizzanti e rappresentazioni più o meno realistiche di innominabili CREATURE con grandi, GRANDI DENTI.
Talvolta perfino un cartello con scritto in perfetto inglese: “PERICOLO! SE ANDATE AVANTI CI RIMETTETE LA PELLE!”.

“Che cosa significherà?” chiede Jack, il capo della spedizione, con aria perplessa.
“Non so…” risponde l’esperto con aria rapita “l’unica cosa è andare avanti, infilarsi in quel cunicolo buio e umido da cui giunge quel fetido odore di morte e scoprirlo.”

“Ottimo! Buona idea!” risponde Jack entusiasta e fa uno di quei segni VERAMENTE FIGHI da Task Force….quelli fatti con le mani , che vogliono dire:
“Due di voi: avanti. Uno dietro a sinistra, un altro in posizione di copertura e tu, Katy, fammi vedere le tette.”.

Il tutto espresso senza dire una parola.

E così la squadra s’infila nel cunicolo…gli uomini intenti a fare battute da machi e le donne che si s’inventano pretesti per mostrare cosce e seni allo spettatore.


“Jack mi ricevi?” chiede l’addetto alle comunicazioni

“Forte è chiaro!” risponde Jack (mentre dietro di lui Jenny si fa la brasiliana con una gilette…).

E questa è l'unica cosa che l’addetto alle comunicazioni dice o farà…
Perché da lì in poi la radio sarà DISTURBATA.
Il segnale DISTORTO.

“Qualcosa riflette le comunicazioni e …OMMIODDIO è ENORME…ARGGHHH!

(Ultima frase pronuncata poco dopo dall’addetto alle comunicazioni).

Perso il contatto con il mondo esterno la squadra incontra altri segni non molto rassicuranti:

ossa umane sparpagliate ovunque, pile di teschi ordinatamente accatastati e lo scheletro di uno che si è fatto saltare le cervella da solo.

“Non siamo i primi a passare di qui”. Commenta brillantemente l’ESPERTO.

Chiaramente NESSUNO di loro (MAI) dice “Okay. Facciamo dietro front e torniamo a casa”.

No. Non gli passa manco per la testa.

“Tim , Ray! Voi andate avanti in quel tunnel pieno di resti umani pullulanti di scarafaggi!” esclamerà invece il capo carismatico del gruppo (mentre sullo sfondo Katy e Jenny si spalmano a vicenda crema sui seni …).

E mentre vediamo per l’ultima volta Tim e Ray allontanarsi trotterellando felici, il resto del gruppo avanza, stando bene attento ad infilarsi sempre di più in quel cazzo di trappola oscura.

“Forse è meglio se ci dividiamo” suggerisce a questo punto Jack e tutti annuiscono …inclusa quella cosa innominabile che li segue nell’ombra che non crede alla sue squamose orecchie.

Ed eccoli che si sparpagliano e si infilano in ogni passaggio stretto e mucillaginoso chiamandosi ogni tanto per nome.

“Sei tu Josh?” chiede Frank mentre sguazza nei liquami.


Ma ovviamente non è Josh, ma bensì un qualcosa di raccapricciante di cui vediamo(sempre) soltanto i DENTI.

“OMMIODDIO è ENORME…ARGGHHH!” ultime parole di Frank.

Quando l’urlo arriva agli altri le tipette smettono immediatamente di scambiarsi i perizoma, Jack si immobilizza brandendo il suo coltello d’assalto e ascolta trattenendo il fiato.

“AIUTOOOO MI MANGIA VIV…….”…

“Credo che sia un puma…” commenta l’affidabile esperto.

“MORIREMO TUTTI” grida strappandosi i capelli il vigliacco che repentinamente perde la calma e si mette a piangere.

“ Andrà tutto bene!” esclama il capo carismatico mentre lo mena di santa ragione per riportarlo in se.

“Ma con che cosa abbiamo a che fare?” si chiede finalmente qualcuno e tutti guardano lo scienziato, l’esperto, insomma COLUI CHE SA…

“Qualunque cosa sia è ostile” dice lui mentre si gira in mano un teschio umano.

Sticazzi! Pensano gli altri.
Quest’uomo è davvero ESPERTO!

Chiaramente neppure il ritrovamento dei loro compagni fatti a pezzi dissuade i nostri eroi dal continuare e così vanno avanti.

Katy confida a Jack che è ancora vergine e Jack le dice “L’ho sempre saputo dal modo in cui mi guardavi”.
Il tutto mentre il VIGLIACCO si mangia di nascosto tutte le merendine al cacao e perfino il lato di cioccolata di una pacchetto di Ringo (il lato bianco lo lascia….PERFIDO…).

Vagano per un'altra mezz’oretta (durante la quale un numero imprecisato di loro svanisce, muore o da di matto) dopodiché si trovano finalmente di fronte a qualcosa che di solito è un nido, un’alcova o cose del genere.

“Che ne dite se prendiamo un po’ di queste uova appiccicose e le rompiamo a casaccio?” chiede l’esperto…e gli altri annuiscono….

(Certo. Come farebbero senza di lui…?)

Ed ecco che appare Lei (l’innominabile e comprensibilmente incazzata creatura ) che si avventa su di loro menando zampate e morsi a destra e a manca.

Fuggi, fuggi generale.
Armi che neanche la scalfiscono.
Tecnologia all’avanguardia che si rompe. (funi che non tengono, bombole che finiscono ossigeno, tute che si lacerano ecc. ecc.)….fino a che uno di loro (di solito l’affidabile CAPO) viene ferito prima che la creatura svanisca di nuovo.

“Tutto okay?”
chiedono preoccupatissime le tipette toccandosi il clitoride per l’emozione.

“E’ solo un graffio”
risponde lui indicando uno squarcio di 30 centimetri da cui cola un liquido verde.

A questo punto i nervi cedono: qualcuno si accorge che il vigliacco si è mangiato le merendine e scoppia il CAOS.

“Ne avevo bisogno!!!!” grida IL VIGLIACCO in lacrime.
“SONO IPOGLICEMICOOOO!!!!”

E da lì in poi diventa catatonico e non lo sentiremo più parlare fino a quando non farà la fine più orribile che si possa immaginare.

SVENTRATO.
APPESO A TESTA IN GIU’
FECONDATO E DIVORATO VIVO…il minimo che possa capitare ad un ipoglicemico vigliacco.

E quando jack comincia a sbavare e ringhiare qualcuno si chiede “ma starà davvero bene? Non è quello squarcio che ha sulla schiena gli sta facendo male…?”.

“Tutto bene, Jack?” gli chiedono le tipette.

“SSSSSSSSSIIIII’ SCHLLGHHHHH!” risponde Jack sibilando ed agitando la sua coda.




Proseguono seguendo le indicazioni dell’esperto che di tanto in tanto se ne esce con cose tipo:
“l’aria fredda è più leggera , il vento soffia da ovest, il muschio cresce a nord…andiamo a destra…”

Tutte cazzate ovviamente (lui in realtà è un odontotecnico) ,ma tutti gli danno retta.

Vanno a destra, le tipette finalmente con gli abito a brandelli, l’orientale unico superstite che si tocca ripetutamente le parti basse in segno di scaramanzia e poi la creatura che se lo agguanta al volo….

All’etnico tocca sempre una morte a rate.
Prima lo mutilano.,
Poi lo spalmano…
Poi se lo risucchiano.

“OMMIODDIO è ENORME…ARGGHHH!”


“Ma andrà davvero tutto bene?”
si chiede la tipetta ormai vestita solo con la saliva del pubblico mentre osserva il cadavere del povero Chao-Ling.

Ma soprattutto Jack…ha sempre avuto le BRANCHIE?

Ed è quando questa domanda diviene imperativa che l’esperto avanza un’ardita teoria:

“Credo che Jack abbia la mononucleosi….”

“Mi scusi Dottore…” commenta una delle tipette…
“Non è che magari Jack è stato infettato da una qualche forma di vita parassitaria che ora, agendo a livello genetico, sta rapidamente modificando il suo DNA trasformandolo in una creatura mostruosa?”.

“Ah…sì, sì.! Questa è anche meglio!” risponde entusiasta l’esperto.

E a quel punto JACK da di matto.

Gli escono le ali, dimena le branchie , animella le sue SQUALE smandrappa le sue RAMAGNE….

(Tutte cose che fanno i mostri incazzati).

E finalmente (DIO TI RINGRAZIO) stacca la testa all’esperto facendola volare via.

(Non una gran perdita)…

Rimane solo lui con le due tipette….

Carino sarebbe fare una cosa a tre,ma Hollywwod non lo consentirebbe e così perdiamo repentinamente Jenny…impalata dalla coda di Jack (morte vagamente fallica) dopodiché resta solo Katy, bloccata in un angolo con in mano una bombola di ossigeno con scritto sopra “ALTAMENTE INFIAMMABILE – USARE SOLO CONTRO MOSTRI SQUAMOSI”.

Jack la guarda perplesso…

“VERGHINESSSSSSSS….?” Sibila ricordandosi di lei.

Lei lo guarda con aria compassionevole…poi gli spara la bombola dell’ossigeno dove non batte il sole e lo fa saltare in aria.

Jack si dimena, la getta a terra colpendola e poi esplode.

Epilogo.

Tutti hanno tirato il calzino eccetto Katy che si aggira lacera, umida (TUMIDA) e TURGIDA fuori dalla grotta.

Il pubblico tira un sospiro di sollievo.

Grazie a Dio è finito tutto bene e sono morte solo 12 persone….ma….

Nell’ultima scena Katy si volta verso il pubblico, apre la bocca e ci mostra una lunga, lunghissima LINGUA tentacolata….

SSSSSSSSHHHHHHHHHHH!

Sibila Katy e lo schermo diventa nero.

FINE.



(Come? Siete ancora lì? Non riuscite a trovare la forza di alzarvi dalla poltrona del cinema perché il vostro cervello è colato a terra? Non vi preoccupate…prendete il tempo che vi serve…tra un po’ comincia il secondo spettacolo…).

Dedicato ai miei amici Pier e Dibe…compagni di visioni di film inenarrabili…

8 Comments:

Blogger Pierpaolo said...

inenarrabili è la parola giusta... anche ipnotici o narcotici non sarebbe male....

11:02 AM  
Blogger Giuseppe Di Bernardo said...

Film ideali da vedere dopo una cenetta (leggera) di Wilma.

9:57 AM  
Blogger nonethousand said...

aaaargggh!! io l'ho visto quel film!!! ...solo che non mi ricordo il titolo: quella spedizione speleologica che finisce con tutti i mostroni alati del sottosuolo... come diamine s'intitola?!?!?! =:-oooo

comunque guardatevi Decent: la spedizione e' SOLO al femminile! ^__-

10:34 PM  
Blogger MAX GUADAGNI said...

E bravo Nonethousand.
Il film è "THE CAVE" e anche "THE DESCENT" non scherza...stessa cosa,ma (appunto) al femminile e con finale che...bè...OMMIODDIO E' ENORM...AAAAARRRRGGGGHI!

Max

2:31 AM  
Anonymous PF1 said...

confesso che quando dicevi "oh mio dio è enorme" ho subito pensato a Rocco Siffredi. Ma cosa c'entra Rocco con un film horror?
In ogni caso le citazioni ci sono tutte, i luoghi comuni anche (come odio quell'insopportabile "dividiamoci")e devo dire che in alcuni momenti sei riuscito anche a ricordarmi "week end di Torrone" di Ortolani (geniale quando dice "maledette tute!").
Oltretutto sono reduce (nel vero senso della parola) dalla visione di Doomsday in cui non c'è nessun mostro in verità (tranne la trama), ma un bel po' di cazzate sul gruppo militare: un concentrato di idioti che neanche i film di fantozzi...

4:36 AM  
Blogger MAX GUADAGNI said...

Io mi sono sempre chiesto che cosa succederebbe se facessero un film in cui tali luohi comuni venissero corretti...?

E' stato fatto?

(Non mi viene in mente)...

Da Alien in poi (e almeno quello era ALIEN...) c'è tutta una serie di clichè comportamentali a dir poco deliranti...

Ma...d'altro canto... il genere funziona...lo guardiamo, lo affittiamo, a volte perfino lo compriamo e ne parliamo...
Forse, alla fin fine, quello che ci piace è proprio questo....la comoda PREVEDIBILITA'....
Come una vecchia ciabatta...INGUARDABILE,ma comodissima...

E del resto quest'ultimo film a cui faccio riferimemto , THE CAVE, (che Nonethousand qui sopra ha esattamente individuato) è un film che dal punto di vista TECNICO è ineccepibile...

Belle le luci, bella la fotografia, l'ambientazione ...e gli attori ( e DOPPIATORI...) tutto nella consueta media dignitosa dei prodotti del genere...

Alla fine ognuno di questi ORRORI è migliore della maggior parte delle cose prodotte in Italia...

Dove non si va oltre "DON MATTEO" e in cui la più ardita ripresa è un passaggio leggermente obliquo di Terence Hill in bicicletta...

Il tutto senza voler offendere Terence a cui va la mia gratitudine per molti filmetti con Bud Spencer....(quando li DOPPIAVANO PERO'....con le voci di Glauco Onorato e Pino Locchi....)

E quest'ultima consideraizione mi riporta all'altro mio post "IL SENTI MA" ...tradendo clamorosamente la mia vera natura...

Ehm....

MAX

4:53 AM  
Anonymous PF1 said...

non per fare il "senti ma..." anche io. :-)
Ma secondo me un film senza queste cazzate si può ben fare. E' solo che è evidentemente più facile fare film fracassoni con buchi di sceneggiatura grandi come il traforo del monte bianco e con caratterizzazioni ai limiti del ridicolo. Comunque THE CAVE l'ho visto anche io... ebbene si. Ci sono cascato. E, anche se si lascia vedere, è piuttosto agghiacciante nella sua prevedibilità.

1:48 AM  
Anonymous saricchia said...

E S I L A R A N T E
Sto ancora ridacchiando come un'idiota davanti al monitor.
Epica la frase “Credo che sia un puma…” commenta l’affidabile esperto.
The end.... :-D

5:43 AM  

Posta un commento

<< Home