12.1.07

L'AMICA

Esistono due tipologie fondamentali di amiche.
Le amiche con cui non avete mai desiderato fare sesso e quelle che vorreste farvi da una vita senza avere mai avuto il coraggio di provarci.

L’AMICA CHE NON AVETE MAI DESIDERATO FARVI.

Nel primo caso la questione determinante non è che lei sia impegnata, sposata, metodista, lesbica , o fatta di plastica gonfiabile ,ma che in qualche modo NON risponde ai vostri canoni estetici.

E’ troppo bassa, è troppo corta, cellulitica, cubica, sdentata , somigliante ad un tostapane o semplicemente il guardarla vi stimola quanto fissare un termosifone…
Tutte considerazioni tristi perché al tempo stesso nessuno vi capisce come lei.


Ride alle vostre battute ,ritiene che voi siate un genio, non vi giudica, vi apprezza per ciò che siete, condivide i vostri hobby e passioni (tollera perfino che leggiate fumetti ) e più in generale non vi rompe MAI le palle.
La vostra AMICA è esattamente tutto quello che avreste voluto trovare nella donna con cui state …eccetto (OVVIAMENTE) l’aspetto fisico…
Questo vi ha fatto fantasticare più di una volta su improbabili TRAPIANTI di cervello tra l’una e l’altra , senza rendervi conto che però tutto ciò sarebbe estremamente complesso e forse inutile.
Non tanto per le difficoltà tecniche (la chirurgia fa progressi ogni giorno) quanto perché la vostra AMICA smetterebbe di essere così affine a voi nel momento stesso in cui diviene la vostra compagna…

Fatto sta che, prima o poi ,arriva sempre il momento in cui farete un pensierino anche sulla vostra amica…

Forse capiterà a quella noiosissima cena a cui vi hanno costretto ad andare.
Forse succederà la sera in lui lei vi raccontava in lacrime le “cose sporche” che il ragazzo le chiede di fare… o magari succederà la sera che voi le racconterete le “cose sporche” che la VOSTRA ragazza NON vuole fare…

In ogni caso c’è sempre un momento in cui una semplice ,ma significativa parola vi compare in testa : “CHISSA’?”

Chissà come starebbe in tacchi alti.
Chissà cosa nasconde sotto quei golfini deformanti.
Chissà se è bionda dappertutto ecc. ecc.


Ora …prima di passare dalla fantasia all’attuazione pratica di questi vostri capricci è bene che teniate presente che esiste un PRIMA ,ma (ahimè) anche un DOPO ed è bene che ricordiate che la vostra cara amica è pur sempre colei che il vostro cinico occhio giudica troppo corta, troppo tonda, poco lunga, ecc. ecc. nonché è necessario ricordare che purtroppo la vita non è munita di sedili eiettabili che all’occorrenza vi permetteranno di espellere nel vuoto la vostra malcapitata (ex) amica…
Al contrario tenete sempre ben presente che la vostra amica da quel preciso istante (il DOPO) cesserà di essere tale e diverrà UN’ALTRA COSA il cui livello di attaccamento nei vostri confronti sarà INVERSAMENTE proporzionale a quanto poco ve ne importi a voi.

Se il vostro unico pensiero sarà “abbiamo sbagliato” e “Ci si vede domani!” , sappiate che lei sarà già nella fase “Ero certa che sarebbe finita così. Andiamo a vivere insieme.”
A nulla varrà ricordarle quanto era bello il vostro rapporto PRIMA e ancora meno servirà maledirsi per essersi voluti togliere lo sfizio di vederla in mutande.
La triste verità è che in brevissimo tempo (istanti) lei si trasformerà nel vostro peggior incubo tempestandovi di sms e usufruendo in più della sua profonda conoscenza dei vostri gusti …cosa che vi rovinerà perfino i più semplici piacerei della vita.

“Ciao. Sono io. Stasera c’è la maratona Star Trek. Pensavo di vestirmi da Klingon e venire da te…”

Quando sarete arrivati a questo punto vi resteranno poche scelte per liberarvi del peso che vi siete legati al collo.
Dirle frasi tipo “io non ti merito” sarà assolutamente inutile perché lei vi amerà ancora di più.
Farvi beccare in pubblico con la vostra ragazza (fica) a slinguazzare potrebbe avere effetti devastanti degni di “Attrazione fatale”.
Pertanto non vi rimane che farla salire sulla vostra auto (ancora vestita da Klingon) imboccare la più vicina autostrada e buttarla fuori dall’auto in corsa.
Certo…per qualche chilometro vi inseguirà ,ma poi la natura farà il suo corso…


Qualsiasi decisione prendiate ricordate però che:

1) avrete perso irrimediabilmente la vostra migliore amica (spesso senza che ne valesse la pena perché gli autoreggenti le stavano di schifo).
2) Dio vi odia e ve la farà pagare per questa vostra ennesima ,immonda azione.

Il secondo punto in particolare (Dio vi odia) è importante quando vi troverete nella condizione esattamente opposta.

L’AMICA CHE AVETE SEMPRE DESIDERATO FARVI SENZA MAI PROVARCI.

La persona in questione la conoscete da anni, è collega di lavoro, amica di amici, sorella del vostro migliore amico o (peggio che mai) amica della vostra ragazza.
Non sempre sapete dire esattamente cosa vi piaccia di lei , a volte è l’insieme , talvolta un dettaglio come gli occhi , la bocca o le mani ,ma più in generale la vostra amica vi fa semplicemente un gran SESSO.
E’ una questione di alchimia chimica, di ormoni o neuroni impazziti, è Dio che si diverte è il folletto skizzato che vive nella vostra testa (o nel basso ventre) ,ma in ogni caso dalla prima volta che l’avete vista avete sentito un pizzicore da qualche parte.

Se l’alchimia è reciproca e funziona nei due sensi basterà scambiarsi uno sguardo e vi passerete più dati in un secondo di quanto possa fare qualsiasi fottutissimo bluetooth , MA…
(ed ecco la cosa veramente divertente) NON sarete MAI del tutto convinti che lei provi la stessa cosa per voi.

Questo porta di solito all’instaurazione di un rapporto solido fatto di reciproca stima, confidenze, collaborazioni lavorative, affinità intellettuali ecc. ecc. ed in più (per legittimare questo strano ed ambiguo rapporto) si tenderà ad allargare tale interazione ai reciproci partner, quasi ad auto legittimarsi (o convincersi) che VA TUTTO BENE e che nessuno desidererebbe aggirarsi nudo nel letto di dell’altro…
Ecco così che ci si ritrova a cene, ultimi dell’anno, aperitivi e cazzate varie il tutto all’insegna del politically correct e della reciproca fiducia…
Certo…prima o poi la vostra compagna vi chiederà qualcosa tipo “Ma tu (nome delle tipa) te la faresti?”Ma per superare tali momenti sarà sufficiente qualche anno di recitazione all’actor studio dei maschi e una risposta veloce: “Ma dai! E’ solo un’amica.!Oh, guarda cominciano i Simpson in TV!”

Tali situazioni tendono ad assumere nel tempo la condizione denominata “DORMIENTE” per cui la vostra vita e quella della vostra amica continueranno a navigare parallelamente senza mai incrociarsi e attraversando reciproche relazioni, separazioni, riavvicinamenti ecc. ecc.
Il tutto intervallato da simpatiche cene, incontri di lavoro, occasionali passeggiate e simili durante i quali voi vi accerterete ogni volta che il di lei sedere sia sempre nell’ottimale condizione in cui lo ricordavate.

Tutto questo può durare anche lunghissimi anni fino a che Dio ,(o chi per lui) prenderà la decisione di dare una brusca sterzata alle vostre rotte di navigazione.

I motivi possono essere i più disparati.

La ospitate a dormire da voi dopo che ha perso un treno.
Inciampate finendole con la testa nel reggiseno.
Un meteorite distrugge la civiltà umana e rimanete solo voi due.


In ogni caso ciò che accomuna tutte le infinite tipologie di situazioni è L’ALLINEAMENTO e
L’ AVVICINAMENTO.

L’ALLINEAMENTO è quando voi e lei vi ritrovate entrambi liberi, feriti, soli o semplicemente arrapati…
L’AVVICINAMENTO è quando entrambi (in conseguenza dell’ALLINEAMENTO) vi ritrovate ben più vicini dei consueti 50 cm di sicurezza che devono SEMPRE dividere un uomo da una donna…

Quando queste due condizioni vengono a presentarsi il resto è automatico e possono presentarsi due situazioni:

il vostro acuto senso maschile ha fallito ancora una volta e quando cercate di baciarla lei urla, vi allontana con una pedata e fugge nella notte per denunciarvi il mattino dopo.…

oppure CI STA…

Se il vostro senso animale non ha sbagliato e vi trovate in questa situazione avete appena fatto BINGO, TOMBOLA e GRATTATO un GRATTA E VINCI VINCENTE perché ci sono buone possibilità che anche la vostra amica abbia sognato quel momento per anni e che vi salti addosso aprendovi in due come un pollo.

MA…finito questo lungo, interminabile e meraviglioso momento dovrete fare i conti con un’altra realtà perché quella che si trova nel vostro letto e che conoscete da una vita non è più la vostra amica , non è neppure la vostra ragazza e non è neanche una che avete rimorchiato in un bar…lei è una cosa tutta diversa di cui voi non sapete assolutamente UN CAZZO!

“E’ stata una storia di una notte?
E’ stato un cedimento occasionale?
Ce ne saranno altri?
La rivedrò domani mai più?
Mi ridarà la collezione di Kamandi che le ho prestato l’anno scorso?”


Tutte queste domande non possono avere risposta e quel che è peggio è che molto probabilmente LEI , in quello stesso istante, se ne starà ponendo altre…

“Mio Dio ma a che ora ho il treno domani?
E il colluttorio l’ho messo in valigia?
Oh accidenti, ma le mutande che mi ha strappato chi me le ripaga?”



E da allora in poi qualunque cosa le direte non sarà più frutto della vostra mente ,ma di quella dell’unità di crisi che si è formata nel vostro cervello…

“Per prima coas dobbiamo cercare di puntellarla per evitare che ci siano cedimenti!” esclamerà il Capo Neurone.
“Abbiamo bisogno di più sedativi per tenerla tranquilla!” replicherà il Dottor Neurone (esperto in psicologia femminile).
“E LE SUE TETTE! AVETE VISTO CHE TETTE?!” urlerà Neurone l’Ormone mentre gli altri lo legano in una camicia di forza.

Per i successivi giorni (settimane e forse mesi) avrete uno strano stolido sorriso sul volto…sorriderete ripensando a Lei e in generale avrete un effetto MORFINA che vi renderà lieti e leggeri e tutto sarò bellissimo, positivo e pieno di prospettive… sarete felici quando la sentirete al telefono, sarete lieti quando le scriverete un e mail e quando finalmente la rivedrete sarete tranquilli e rilassati …e non vi preoccuperete minimamente se un giorno (proprio il giorno in cui vi siete vestito da Klingon) lei vi inviterà a fare un giro in auto, verso l’autostrada…
Salirete felici , metterete la testa fuori dal finestrino e vi godrete l’aria fresca con la lingua di fuori…
(Un consiglio: quel giorno indossate la vostra medaglietta col nome al collo…)

Dedicato all’animatrice dagli Occhi di Gatto.

4 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Che cosa meravigliosa avere una "trombamica"!
Ma secondo voi può succedere anche a chi è fidanzato da secoli?
E soprattutto, come posso fare a portarmi una commessa che conosco a meno di 50 cm?

Grande Max!

5:34 PM  
Anonymous Anonimo said...

bella storia, adesso la faccio leggere a una mia amica che mi ha fatto limonare.


(grande max! Ortolani ti fa una pippa)


Cliff

9:13 AM  
Anonymous Morghana said...

Bellissimo!!!
Mi sono trovata spesso in situazioni dove le lunghe amicizie che mai avresti pensato... invece ci pensavano da anni...

Il guaio è che io sono l'amica con cui parli di tutto e stai da Dio... ma anche quella che guardi e t'ingrifi!
Alla fine per evitare situazioni assurde, e preferendo le amicizie ad una notte di sonno perso... (perchè diciamolo!, di maschietti che sanno cosa fare e sanno come farlo ce ne sono davvero pochi! Ma tutti pensano di essere grandi amanti... della serie: "Se te pijo non sai che te faccio..." ma se poi quando mi pigli... non mi diverti...) ho smesso!!!
Poi.. si campa anche senza... e a volte anche meglio! Visto con chi finiamo a stare insieme!!!

Un bacio grande per la tua ironia

Manu

7:13 AM  
Blogger elisabetta said...

fantastico.... sei semp0licemente fantastico... ah ah ah... è tutto così vero quel che dici...

2:10 AM  

Posta un commento

<< Home