30.1.07

DOWNLOAD

La prima volta capita sempre inaspettatamente e per vie traverse ,al bar, dal barbiere o dal vostro negozio di fumetti di fiducia , l’amico dell’amico di un vostro amico a un certo punto vi dice:
“Vuoi che ti porti l’ultimo film di (nome dell’attore di turno molto figo e molto bravo)?”
“Ma se è al cinema adesso?” rispondete voi ingenuamente.
E il vostro Amico sorride, vi strizza l’occhio con quella inconfondibile aria da “Uomo Furbo Che LA Sa Lunga” e vi risponde “sì ,ma io li SCARICO”…
“Ma non è illegale?” replicate voi distrattamente e lui quasi si altera e vi guarda un po’ irritato.
“E la guerra in irak? La fame nel mondo? Preoccupiamoci di cose importanti e poi io in casa mia posso fare quello che voglio no? O NO?”, replica stizzito.
E voi annuite subito un po’ perché quel tipo lo conoscete appena e sembra un invasato , un po’ perché non ve ne può fregare di meno dell’argomento.
Il giorno dopo lo ribeccate nello stesso posto e lui vi da il CD col film in questione.
Voi lo ringraziate calorosamente , gli chiedete quanto gli dovete e lui scrolla le spalle ritraendosi quasi offeso.
“Ma figurati!” esclama dandovi un pacca sulla spalla e subito aggiunge “magari la prossima volta mi porti qualcosa tu…”.
E la frase rimane sospesa lì…pesante come un oscuro presagio…

La sera arrivate a casa dimentichi del piccolo dischetto argentato che avete in tasca , vi sparapanzate in poltrona e guardate un po’ di TV spazzatura, ascoltate un po’ di notizie spazzatura e infine (presi dalla disperazione) state per spegnere la TV e leggervi un buon libro quando all’improvviso il CD si rifà vivo nella vostra testolina…quasi lo sentite che vi chiama e trilla da dentro la tasca della vostra giacca e voi pigramente vi alzate, lo prendete , ve lo rigirate a lungo in mano e poi svogliatamente lo infilate nel vostro computer…
Scomodamente seduti sulla vostra seggiolina con le ruote, osservate il computer che assaggia il file, se lo rimpalla un paio di volte accompagnato da scritte incomprensibili ed infine lo apre .
Per un attimo lo schermo rimane nero e poi s’illumina di coloroni e musiche da sogno.

E la vostra vita cambia.

Il primo film piratato, scaricato ed avuto gratuitamente è sempre il migliore…
E’ come il PRIMO BACIO o la prima busta paga… non si scorda mai.
La qualità del video, il livello di compressione, l’audio digitale…tutte quelle cose di cui al momento non capite nulla , (ma che un domani diverranno la vostra personale ossessione) sono ASSOLUTAMENTE perfette!

Perfino la scritta iniziale contro la pirateria è BELLISSIMA!
Ma la cosa in assoluto più piacevole, più gratificante e più goduriosa è che quel film non vi è costato NIENTE.

Il giorno dopo siete al lavoro e non vedete l’ora di rendere partecipi i vostri colleghi del fantastico film che avete visto (a sbafo).
Trotterellate come Pony felici, evitate il vostro ufficio e vi FIONDATE subito alla (SANTA) macchinetta del caffè dove si trova il Tempio delle Dea Calcio ; Motori e (pardon per le signore) Fica.
Qui (mentre è in corso il summit sul più bel culo dell’ufficio spedizioni) entrate a forza nella conversazione buttando lì il vostro “ieri sera ho visto l’ultimo film di (nome dell’attore figo e socialmente impegnato ,ma strafatto di turno)”.
“Ah sì.” Replicano gli altri non molto stupiti e in realtà quasi annoiati.
“Io l’ho già visto la settimana scorsa.” Risponde uno.
“Io ho la copia sottotitolata che mandano agli studios per visionarla.” Replica un altro.
“E io guardo solo roba in originale perché la recitazione è tutta un'altra cosa.” conclude il terzo noto docente a tempo perso di lingua del Bardo ed accanito filogo della Trullera (accademia di boriosi spocchiosi del cazzo).

Sorpresi e un po’ delusi venite avvicinati dal più tecnologico fra tutti che subito vi chiede:
“In che formato lo hai visto? Mpeg? Avi? Era un DVD? Che compressione aveva? Quanto pesava?”

“Era leggero…”rispondete voi …” …peserà qualche grammo…”

Lui vi guarda con aria di commiserazione, poi vi prende sottobraccio e vi porta verso il suo computer.

“Senta ,senta! Io sono due ore che aspetto qui in coda?!” chiede una signora di ottant’anni con un bastone che aspetta in fila da tre ore.

“Signora NOI qui stiamo lavorando!” replica il Tecnologico con un tono che non lascia spazio a repliche e poi sparite entrambi dietro una scrivania.

“Ora ti faccio vedere qualcosa” dice pazientemente il Tecnologico e subito comincia ad aprire una sequela infinta di programmi, siti e cartelle varie che chiude molto velocemente tutte siglate “XXX” a volte “MATURE”, “TEEN” o “NAKED WOMEN”…

“Documentazione.” Borbotta quando voi lo guardete un po’ perplessi.

La vostra iniziazione dura circa due ore (giusto il tempo di passare dalla pausa caffè a quella pranzo…) e al suo termine avete ufficialmente perso la vostra verginità informatica.

Ritornati in tutta fretta a casa siete rapiti da termini come “server”, “adsl”, “masterizzazione “ e ancora “decrittazione”, “Compressione” e “conversione”.

Quando la vostra moglie/ragazza/partner vi dice “ciao Amore” cercando di farvi intravedere le sue calze a rete sotto la gonna , voi le rispondete “devo connettermi”.
E quando lei vi chiama per la cena strusciandosi alla porta voi le rispondete “STO SCARICANDO”…

Ed è così che comincia…

Nei successivi giorni (settimane , mesi) scoprite che TUTTO può essere, trovato e scaricato grazie ad una fantastica cosa chiamata “PEER TO PEER” che altro non è che l’equivalente informatico del
“Io ti faccio vedere il mio Birillo e tu mi fai vedere la tua Pippotta”
Sullo stesso principio più utenti condividono cartelle in rete all’interno delle quali sono contenuti file di musica , video , dati e quant’altro, dando il via ad un florido scambio di ogni ben di Dio.

Il tutto ovviamente al limite della legalità ed in barba alle grandi case discografiche e cinematografiche che protestano e gridano al disastro da anni ,ma che ovviamente si guardano bene dall’abbassare anche di qualche centesimo i loro esosi e spropositati prezzi.

Tutte queste considerazioni vi provocano uno stato di prolungato orgasmo ogni volta che fate il raffronto tra un CD , DVD comprato in un negozio ed il costo relativo della copia scaricata…
Ecco così che vostra moglie/ragazza/partner vi osserva con aria perplessa mentre trascorrete pomeriggi interi daavnti al computer ad osservare la pagina chiamata “TRASFERIMENTI”…

Il perché vi inchiodate lì davanti , immobili e catatonici a fissare i numeretti che oscillano pigramante non lo sapreste spiegare neppure voi , fatto sta che a stento riuscite a distaccarvene per fare alcunchè…
Quindì non vi meravigliate se un giorno la vostra moglie/ragazza/partner vi scioglie due pasticche di viagra nel vino…

Tutto procede bene fintanto che il vostro senso critico si evolve e si affina oltre i ragionevoli parametri del NORMALE, oltre quel punto il vostro Amico Cervello Tecnologo ( lobo particolare addetto alle funzioni di giudizio della qualità digitale) inizia a farvi le pulci su ciò che scaricate…

La compressione non è buna.
Si vedono i pixel.
Non gira sul lettore DVX.
S’incanta.

"E dove mi hanno messo i contenuti speciali?”

Ed è a questo punto che scatta la solita molla compulsiva.
Dimentichi della funzione originale del Download (ossia vedersi un film o ascoltare un cd senza spendere una centesimo) precipitate nel meccanismo ossessivo dello SCARICATORE MANIACO a cui non frega nulla di vedere ciò che scarica ,ma solo che il prodotto finale sia IDENTICO a quello originale.

Ed ecco quindì CODEC sempre più avanzati, programmi di compressione , sigle inintelleggibili di Dio solo sa cosa e scansioni di copertine, stampe laser da alta risoluzione , custodie patinate di plastica brunita e DVD serigrafati con appositi masterizzatori ad alta precisione.
Il tutto per cercare di avere una copia pirata perfetta…

Che questo tortuoso processo vi costi alla fine (in termini di soldi e tempo) quasi più che comprare l’originale è un dettaglio trascurabile….
Anche perché nel frattempo l’Amico dell’Amico , dell’amico si è rifatto vivo e pretende il saldo del suo iniziale dono…

“Hai qualcosa per me?” chiede sibillino quando lo rivedete.
Ed ovviamente essendo in debito con lui gli fate una copia dell’ultimo film che avete scaricato.
Lui ricambia e gioca al rilancio facendovi un disco edizione doppia.
Voi siete costretti a fargli una miniserie e lui vi arriva con un cofanetto…

In breve tempo metà della vostra giornata trascorre a fare copie su copie per tizio e caio che (come ingorde spugne) le assorbono e copiano a loro volta per altri che le passano ad altri e ad altri ancora…il tutto in un interminabile giro ossessivo/compulsivo.

E mentre questo vortice vi avvolge e risucchia ecco che arrivano a farvi compagnia altri casi clinici come quelli che SOTTOTITOLANO tutte le cose ancora Non tradotte, quelli che SPROTEGGONO e copiano l’INCOPIABILE e più in generale tutti coloro che hanno già visto una rarissima edizione dell’ultimo film di Spielberg che nessuno (neppure LUI) ha ancora mai visionato.

In mezzo a tutto questo delirio prosperano ovviamente le grandi aziende di servizi di comunicazione che (intuito il businnes) offrono pacchetti sempre più convenienti, a tariffa ridotta, smilza, magra , sottile , sottilissima quasi piatta con le quali potrete stare CONNESSI fino alla tomba senza pagare un cazzo.

Cosa che non è poi mai del tutto vera perché se ti CONNNETTI lo fai per la vita e c’è sempre qualche clausola, clausoletta o codicillo per cui tu devi qualcosa a loro…
Tasse, tassette, tessettine piccine, piccine o semplicemente strani contratti per cui non paghi nulla se ti scarichi il Duomo di Milano ,ma ti cavano il sangue se chiami al telefono il vicino di casa.

Le grandi case di produzione ovviamente protestano ,ma (per una ragione o per un’altra) non riescono ad impedire che la cosa continui…forse per reale incapacità di fermare il fenomeno o forse per qualche oscuro meccanismo che vi sfugge…
Come quando anni fa TUTTI (ma proprio TUTTI) erano riusciti a farsi fare una scheda PIRATA per scroccare la TV satellitare…
Il fenomeno era talmente diffuso che perfino il più sfgato dei disadattati (domiciliato sotto un ponte) aveva una parabola pirata…e poi (come per magia) il sistema CAMBIO’…
In qualcosa di MOLTO più difficile da decodificare o quanto meno molto meno diffuso e centinaia di migliaia di utenti pirata (in totale crisi di astinenza) si ritrovarono in fila per comprarsi un bel decoder regolare…

Chissà come mai?

Ma NIENTE di tutto questo vi tocca minimamente , né sfiora vostro caro Amicocervello che anche adesso (mentre osservate stolidamente lo schermo davanti a voi) sta pensando “quanto manca al Download?”….. mentre un piccolo rivoletto di saliva vi cola lungo il mento…

3001.07

Dedicato alla popolazione dei Downloader di tutto il mondo…

7 Comments:

Blogger Pierpaolo said...

Senti un pò... invece di scrivere cose, rimani col pc acceso più a lungo. Sono in coda da giorni per finire di scaricare "hostess sottomesse.avi" che, a quanto pare, hai solo tu.

7:06 AM  
Anonymous Jack said...

Parole sante, vizio maledetto dei possessori di un abbonamento ADSL flat. Ma chi lo trova il tempo di guardare tutto? E di riuscire anche a continuare a lavorare...
:-)

3:20 PM  
Anonymous Wilma said...

Salve, sono Wilma, filologa della Trullera.
E' per il rapporto tra donne e computer, che spesso noi signorine preferiamo i virili SCARICATORI di porto.

Bon, vi saluto, mi mancano 5 minuti al completamento di "The Resurrection" e gli ultimi 5 minuti sono sempre i più belli.

4:38 PM  
Anonymous Anonimo said...

Parole sante Max..cosa dire, ieri sera ho quasi pianto scoprendo che alla mia sesta puntata di Lost 3 , abilmente scaricata con potenti mezzi, mancava solo un piccolo e insignificante particolare...il "CODEC"! Che solo a dirlo temo si incarni qui davanti a me in calzamaglia rossa e blu!Si accettano scommesse su quanto resisterò a non cercarlo!!!!

Ro

5:03 PM  
Blogger MAX GUADAGNI said...

Okay Ro ,ma adesso parliamo di cose serie: a me quando me la copi la prima parte della terza stagione? Che sono rimasto come un fesso con la bocca aperta e il rivoletto di saliva che gocciolava alla fine della seconda...
Su, trova'sto CODEC!
E questo vale anche per tutti gli altri: MI SERVE LA TERZA STAGIONE DI LOST! (almeno sottotitolata)...
Vi do un rene in cambio.

MAX

4:29 AM  
Anonymous Anonimo said...

...mi sono impegnata e il CODEC è installato " a modo"!!! La copia della terza serie (che per la cronaca ricomincerà ad essere "piratabile" in rete dall'8 febbraio)fa conto sia già in tuo possesso!!! E il rene te lo risparmio pure!

Ro

3:17 PM  
Blogger MAX GUADAGNI said...

Oh...ora sì che si ragiona!
Cominciavo a dare i numeri...
4 - 8 - 15 - 16 - 23 - 42...

(lo so, lo so che stanno facendo impazzire anche te!)

Vorrà dire che il rene lo terrò da parte per la terza stagione di GALACTICA...

Cio Ro!

MAX

3:05 AM  

Posta un commento

<< Home