27.3.07

L'OSPITATA

In principio è una luce nella notte.
Un oasi nel deserto, un remo a cui aggrapparsi, una fune sul vuoto....

Al Disegnatore Selvatico giunge un invito.

Via E mail. Tramite l'amico di un amico più fortunato (che si dice che abbia perfino un telefono fisso!) il Disegnatore Selvatico solleva il muso dal cassonetto in cui sta mangiando, si lecca i baffi soffiando ad un gatto randagio che gli contende una lisca di tonno e poi risponde sul suo cellulare perennemente senza credito.

"Sì. Sono io. Se sono disponibile a venire per un incontro con i lettori? Certo." esclama con tono gioviale e convincente mentre s'infila avanzi di hamburger nelle tasche della giacca.
"Mi darete del cibo?" chiede tradendosi ,ma recuperando immediatamente con un "voglio dire: è contemplato un GETTONE di presenza?".

E comincia così...con una delle ennesime dimostrazioni della grandezza della Natura, nel momento in cui il fragile Disegnatore Selvatico (Grafolicus Nebule Selvaticus) entra in contatto con predatori più grandi (Imprenditoris Agiatus Fumettifilis Titolaris) si crea quello stupendo prodigio chiamato SIMBIOSI basato sul reciproco scambio: tu mi dai un piatto di minestra calda e io ti faccio 12 ore di disegnini.

E così partono...
I più fortunati e limitrofi sgusciano da sotto i sassi in cui vivono e s'incamminano a piedi , gli altri si fiondano felici su treni Eurostar con prenotazione obbligatoria, brandendo assegni con scritto sopra "RIMBORSO SPESE".
Seduti (avvinghiati sarebbe meglio dire) su costosi posti (rigorosamente di seconda classe ,ma per loro sempre da sogno) i Disegnatori Selvatici ridacchiano mentre si AVVENTANO su cioccolatini omaggio o mentre cercano di rosicchiare altri gadget omaggio (le cuffie) fino a che un gentile vicino mostra loro che devono mettersele nelle orecchie e non in bocca.
E naturalmente si incontrano, si riconoscono, si parlano e si AGGREGANO.

"Quante copia ha venduto il tuo GATTAMELATA REVENGE?" chiede uno mentre s'infila in tasca rotoli di carta igienica che ha fregato in bagno.
"Guarda." replica l'altro che si gioca la carta dell'alternativo agitando le dita laccate di smalto nero .... "io non ne faccio una questione di copie o di soldi , per me il fumetto è ARTE solo così posso esprimere me stesso..." e poi lecca il finestrino per abbeverarsi alla brina.
"Il problema sono gli editori." interviene un altro ancora che per l'occasione si è infilato dodici magliette diverse di personaggi che disegna (una sopra l'altra) il tutto nel tenero tentativo di compiacere i propri lettori.
"Io non mi preoccupo degli Editori" replica Unghie Laccate "per me conta il messaggio...quello che trasmetto e non lavoro certo per il denaro..."
"Scusa ..." chiede quello delle 12 magliette " posso avere un pezzo di quella gomma da masticare che è attaccata sul lato del tuo tavolo"

"No. E ' mia. " risponde Unghie Laccate mentre e se la caccia avidamente in bocca.

All'arrivo nelle località prestabilite i Disegnatori Selvatici vengono prelevati dai vari emissari dei mecenate locali , caricati tipo bestiame su carri merci piombati e deportati verso le zone delle convention e incontri vari.

"Io disegno Roddy Vulva!" mormora uno mentre lo spingono con il manico di una scopa dentro il carro.
"Movete ORCO ZIO!" gli gridà dietro un energumeno con una vanga in mano.

Scaricati nelle rispettive mostre, fiere e fumetterie varie i Disegnatori Selvatici si ricompongono, spolvarano le loro inseparabili cartelline, valigette e accessori vari dopodichè incominciano ad informarsi sulle questioni serie.
"Quando mi date del cibo?" chiedono più o meno tutti mentre vengono spinti con pungoli eletterici verso i vari stand.

Giunti finalmente in loco i Disegnatori individuano i loro mecenate, gli organizzatori degli incontri che gli garantiranno una notte al coperto ed in segno di riconoscimento gli nuotano incontro, (come pesci PAGLIACCIO impazziti che si lanciano tra gli accoglienti tentacoli della loro ATTINIA) e di lì a poco (dopo avere scroccato un paio di cappuccini e tre brioche) eccoli seduti, pronti a disegnare e ad ottemperare al loro dovere.

"Ciao. Tu sei quello che disegna Roddy Vulva?" chiede un "ragazzo" di 45 anni , grasso, brufoloso e con lo sguardo spento da impiegato di banca vestito da Jeeg Robot D'acciaio.
"Sìììììììì!" Risponde il disegnatore esibendo la sua maglietta con disegnato Vulva che sorride "che cosa posso fare per te?"
"Ho letto Roddy Vulva e gli alieni di Clitoride e secondo me io sono uno di loro, posso avere un disegnino di Roddy che combatte contro un mostro di Tampax?"
"Cerrrto! E se mi dai il tuo bancomat con scritto il codice PIN sopra io te la autografo! Che ne dici?" replica il disegnatore.
"Figata!" esclama l' Alieno di Clitoride dandogli il bancomat.
"Fantastico! Ripassa dopo che te la rendo quando ho svuotat...FINITO il disegno del Tampax."
Per le successive 4 ore i Disegnatori Selvatici continuano a disegnare, mangiare, bere birre e cappuccini, cazzeggiare e guardare il sedere alle standiste.
Per le ulteriori successive otto ore rispondono ad imbarazzanti domande sulle metodologie riproduttive dei paperi di Paperopoli, su dove lo porti Diabolik (a destra o a sinistra ) in quella sua attillata tutina , su che tipo di pelo di roditore si usi per inchiostare e se è vero o no che se si disegna con la parte destra del cervello viene tutto meglio...
(quest'ultima domanda arriva da uno che per provare si è sparato con la spara chiodi nella parte sinistra della testa.

"L'ho letto in un libro...adesso faccio i bisogni in un un sacchetto di plastica e mi riempio di morfina ,ma disegno molto meglio".

"Fantastico!" replica il deisgentore di Roddy Vulva. " Lasciami la prescrizione della morfina che ti ci faccio un disegnino sopra!"

E tra una seduta e l'altra ci si incontra, ci si conosce e presenta a vicenda il tutto nella tipica modalità dei Disegnatori Selvatici.
"Ciao. Questo è Leo ! E questo è Roby..." dice il disegnatore di Roddy Vulva , il tutto senza specificare cosa cazzo faccia l'uno e cosa cazzo faccia l'altro , dopodichè si scheggia via mentre insegue uno a cui ha puntato il libretto degli assegni...
"Ti ci posso fare un disegninooooooo!!!!!?"

E Leo e Roby restano come due imbecilli a guardarsi perchè tutti e due sono convinti che l'altro faccia più o meno lo stesso lavoro ,ma nessuno dei due sa esattamente QUALE e nessuno osa dire niente senza sapere di preciso quante copie ha venduto l'altro...

E mentre al bar si da il meglio delle pubbliche relazioni tra Selvatici (soprattutto nel balletto del "ti posso offrire un caffè" in cui vince chi ne scrocca di più senza offrirne neanche uno...) è al BAGNO che vengono trattati gli affari più scottanti.

"Abbiamo in cantiere un nuovo progetto..." dice uno mentre si riempie le tasche di bustine di zucchero che ha fregato al bar.
"Davvero?" replica l'altro facendo la scarpetta sul fondo del cappuccino.
"Sì. Roba grossa." e lo tira in disparte verso gli orinatoi a muro per non farsi sentire...
"452 pagine a colori serigrafate con copertina olografica con filino di bava".
"Accidenti e pagano bene!"

"Shhhhhh! ZITTO!" sibila attirandolo dentro l'orinatoio.... " La storia è della Rabarbara e pare che ci daranno TOZZI DI PANE a testa per tutto il lavoro".
"Pane secco?"
"Guarda non posso sbilanciarmi ,ma pare che prima di darcelo ce lo intingeranno nell'acqua."
"PANE UMIDO???!!!"
"SHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH! Davvero è confidenziale. Non lo dire a nessuno."



E al termine della lunga e faticosa giornata di lavoro i Mecenate raggiungono i ripettivi talenti e a seconda del proprio livello di agiatezza li collocano per la notte in posti coperti e riparati.
Pane UMIDO e una tenda canadese in bagno per alcuni (i meno fortunati con una tiratura di vendita inferiore alle 12 copie) e (udite , udite):

ALBERGO VERO CON MURI DI CEMENTO per i Selvatici di lievello superiore.

"Salve! Sono il Disegnatore di Roddy Vulva e ci dovrebbe essere una stanza con i muri veri risevata per me".

Anche nel pernottamento la differenza si fa notare e se alcuni selvatici dormono ammuchiati l'uno sull'altro per tenersi caldi, altri usufruiscono di camere singole con TV color ULTRAPIATTA, frigorifero ricolmo, doccia con acqua VERA UMIDA e chiave magnetica di acesso...
Le reazioni a tale munificenza spaziano...
Si va dal Selvatico che tenta di infilarsi lo schermo ultrapiatto nelle mutande , a quello che si fa vere docce (di ACQUA UMIDA) per tutta la notte, a quello che semplicemente si chiude fuori pechè NON sa usare la carta magnetica e dorme sullo zerbino fino all'alba.

E naturalmente quello che si asserraglia dentro e che al mattino non vuole più uscire.

E al risveglio (ripuliti ed ingrassati di diversi chili) , i Disegnatori Selvatici vengono rimessi sui rispettivi mezzi di trasporto, gli viene dato il cosiddetto GETTONE DI PRESENZA e gli viene chiesto con aria seria:
"Adesso non andrai a spenderli subito in fumetti vero?"
"Non butterai questi soldi in quella roba sporca e inutile dicendoti che lo fai per DOCUMENTAZIONE, VERO?!"

E loro mentendo annuiranno e sorrideranno facendo finta di salire sul treno, per poi sgattaiolare di nuovo nella prima fiera a spararsi un cartonato in vena....



Dedicato a tutti i miei compagni di viaggio , di fiera e al Mecenate che ci ha sfamato NON con PANE UMIDO , ma con ogni ben di Dio ,in un favoloso albergo con MURA VERE.
E se se lo sta chiedendo : "sì...ho io lo schermo ultrapiatto della stanza 202...".

22 Comments:

Blogger Capitan Ambù said...

Devi aggiungere che i disegnatori ingrassati tendono ad essere più buoni...pensavo peggio hahahahah...I titoli dei fumetti che citi non sono male.... A presto

1:09 PM  
Blogger MAX GUADAGNI said...

Ti farò avere la maglietta di Roddy Vulva.°_____°
A presto Capitano.

MAX

1:18 PM  
Anonymous Jack said...

Un paio di volte ebbi la fortuna di dormire in alberghi da 10.000 stelle, che l'editore o l'organizzazione avevano incautamente prenotato per tutti gli ospiti fidandosi di un'informatore poco informato .

La seconda volta passai un'ora in corridoio cercando di aprire la porta con quella c***o di tessera magnetica, smadonnando sottovoce per non disturbare gli altri clienti...
Da allora preferisco i tozzi di pane :-)

3:58 PM  
Blogger marco turini said...

io c'ero!


grande max!




marco

4:37 PM  
Anonymous Giuseppe Di Bernardo said...

Su un ponte dell'autostrada tra Milano e Bergamo c'è una scritta:
"Dio c'è... e Guadagni lo prende per il culo!"
Grande Max!
Giuseppe
PS
La maglietta di Roddy Vulva non ce l'ho...
Ce l'avevo sul pigiama.

11:53 PM  
Anonymous Anonimo said...

capisco che la faccenda dei "pagamenti/sopravvivenza"sia un argomento difficile e "oneroso"ma alla bisogna accettare pagamenti in natura?frutta e verdura?ha!magari una bella cena fatta dalla Wilma....
Fonz!

3:15 AM  
Anonymous Fede said...

Salve Max, piacere di averti conosciuto a Cartoomics 2007. E un grazie al DiBe che ci ha presentati.
Complimentoni ancora per il blog, mi fa spisciare dalle risate.

PS: Gli organizzatori della fiera hanno denunciato la scomparsa di tutti i panini speck e brie che c'erano nel reparto bar... non è che ne sapete qualcosa tu e il DiBe? :-)

10:09 AM  
Blogger MAX GUADAGNI said...

Non potete provare NULLA.
Abbiamo ingoiato le prove....

MAX

10:35 AM  
Anonymous Anonimo said...

Fantastico come al solito!
Ciao
Marco

1:32 PM  
Anonymous Anonimo said...

complimenti Max, per la seconda volta in un paio di mesi sei riuscito a farmi sbelicare dalle risate da solo davanti al pc come un mentecatto.
Grazie e continua così.
E' stato un peccato non averti conosciuto all'Arcadia o a Cartoomics '07 ma, ca va, sarà per la prossima volta.
A proposito, sono in trattativa on line per comprare una rarissima tavola originale di Roddy Vulva con impronta digitale, macchia di sangue, filo di bava e calco della guancia dx originali dell'autore a settecento mila fantastiliardi di eurini (ma li vale...) puoi procurarmi un pezzetto di dna di Levito Bartolini per fare un controllo così faccio analizzare la tavola e non prendere fregature? :-)))))

Ciao,
Claudio

12:37 AM  
Blogger il.Benci said...

ciao max,
io sono l'emissario dei mecenati che vi ha portato alla fiera dall'hotel con le mura vere, dopo che non era rimasto niente di colazione.
ciao

7:43 AM  
Blogger MAX GUADAGNI said...

Quello che cercava di investire i ciclisti!!!!!! Mi ricordo di te!
Scherzo. Grazie ancora di tutto!
poi vengo a trovarti sul tuo blog.
Alla prossima.
MAX

8:38 AM  
Blogger il.Benci said...

li miravo sempre..m poi il pensiero che mi pratica sono loro a pagarmi da vivere mi tratteneva :P

1:08 PM  
Blogger fede said...

si diventa professionisti sotto tanti punti di vista.

quando qualche mese fa ho dovuto contattare un grande autore italiano (ma proprio grande grande! Non voglio dire chi è e neppure farlo capire) per una mostra di originali oltre all'assicurazione sugli originali mi ha chiesto senza mezzi termini che, per essere presente alla presentazione, voleva pagati viaggio, vitto e alloggio. E se era possibile pure un gettone di presenza!

Per fortuna poi non è potuto venire :)

ciao,
fede

4:25 AM  
Blogger MAX GUADAGNI said...

E' una questione di "posizione sociale" nella gerarchia degli autori ,ma anche di CARATTERE. Ce ne sono alcuni che se la tirano fin da quando hanno pubblicato a malapena un paio di storielline ed altri che dopo decenni di seria professione continuano ad essere persone semplici e alla mano. Poi ci sono altri ancora che sono persone ugualmente amabili e disponibili ,ma che applicano semplicemente un TARIFFARIO e che "sfruttano" la situazone come farebbe chiunque altro che gestisce un impresa. Io credo che la cosa più importante sia "IL MODO" in cui ti poni. Cioè: puoi chiedere tutto quello che vuoi ,ma conta anche COME lo chiedi e a CHI lo chiedi. Se chi mi chiama è (ipotesi) un ricco imprenditore con il pallino del fumetto è giusto che io lo "sprema" a dovere perchè può permetterselo ,ma se chi mi contatta è una piccola associazione di appassionati o la libreria di fumetti di turno che organizza un incontro...non posso pretendere la Luna. Questione di carattere. I personaggi di cui parlo io (i Disegnatori Selvatici) sono tutti giovani professionisti che raramente (o quasi mai per quel che ne so io) hanno il cosiddetto GETTONE DI PRESENZA. La maggior parte di loro lo fa per passione, per mantenere i contatti e le pubbliche relazioni, ma anche per il piacere di "scroccare" (e lo scrivo tra virgolette per sottolineare la battuta) una cena, un soggiorno in un 'altra città e la possibilità di rivedere colleghi altrimenti lontani.Anche riguardo alla disponibilità a fare il famoso "disegnino"...ce ne sono alcuni che si spezzano il polso a furia di farli semplicemente perchè NON riescono a dire NO a chi glieli chiede ed altri ancora che sembrano il Papà ed avanzano paludati e circondati da un seguito di lecchini e pseudoaccoliti vari....
E sto parlando di quelli che per arricchirsi si vendono anche gli schizzi fatti sul water la domenica mattina...quelli che ti guardano dall'alto verso il basso e che trattano i lettori come una sorta di MALE fastidioso ,ma necessario.
Quelli che si sentirebbero a loro agio nel salotto di Mollica ,ma che ritengono un assiduo lettore di fumetti un malato di mente con cui farebbero volentieri a meno di parlare. Sono quelli che magari campano disegnando donnine nude che si fanno inculare (scusate i termine ,ma mi OCCORREVA) a destra e a sinistra ,ma che leggono solo Baudelaire...
Riguardo a questi grandi, GRANDISSIMI autori, in tutti questi anni ho maturato una sola convinzione: non sempre vale la pena di conscerli e spesso è molto, MOLTO meglio continuare solo ad immaginarli.

MAX

5:24 AM  
Blogger alby de la rose said...

Tutte le volte che mi mandi l'aggiornamento mi scompiscio.Anzi,volevo stamparmeli per poterli leggere all'occorrenza.Prima dopo e durante i pasti.
Sei grande.

11:02 AM  
Anonymous Grazia said...

Peccato che l'hanno già usata ma la frase "se non ci fossi bisognerebbe inventarti" ti si adatta benissimo. Grazie per le risate "a gratis"!
Grazia

2:37 AM  
Blogger Dalmatius said...

Ancora un colpo messo a segno Max...
per chi dovessere dubitare delle tue descrizioni ( stolto sarebbe costui! ) ben lo vedrà a Torino Comics...
Ahhh "mala tempora currunt" >(

8:09 AM  
Blogger MAX GUADAGNI said...

Oh quest'anno ci dovrei venire anche io...ci si trova là!

MAX

8:30 AM  
Blogger Dalmatius said...

Se l'organizzatore non fa ulteriori casini ( meglio che taccia ) dovrei essere con una relazione, video supportata, sull'Arte Fantastica lunedi 14 alle 15,30.
Ti tengo informato Max ^^)

10:06 AM  
Blogger Dalmatius said...

Ecco Max, hanno finalmente prodotto.
Riporto fedelmente dal sito di Torino Comics

15,00
Sala incontro IBS
ALIA. L'ARCIPELAGO DEL FANTASTICO. Presentazione del progetto di narrativa fantastica italiana, anglosassone e giapponese, da quest'anno esteso all'illustrazione. Intervengono i curatori dell'antologia e alcuni autori e illustratori, tra cui Silvia Treves, Massimo Citi, Alessandro Bioletti, Dalmazio Frau, Davide Mana e Massimo Soumaré.

A cui aggiungo ciò che hanno inspiegabilmente omesso:
Conferenza spettacolo:
L'arte Fantastica: la luce e l'ombra
"breve viaggio nell'arte e nell'Illustrazione Fantastica dal 400 a oggi".

Naturalmente nessun gettone, nè rimborso, ma lo faccio per gli Amici di Alia ovviamente, per gli "sfondati" che cercano di lucrare sulla mia pelle, la mia competenza professionale si paga.

9:25 AM  
Blogger Dalmatius said...

Siamo sopravvissuti a un'organizzazione di Torino Comics a dir poco disastrosa, manchevole, illogica, assurda e irrispettosa.
Speriamo sia l'ultima!

12:29 PM  

Posta un commento

<< Home